ANTI-OSSIDANTI: PERCHE' SONO IMPORTANTI PER LO SPORTIVO

RADICALI LIBERI :

I radicali liberi sono dei prodotti di scarto che si formano all’interno delle cellule quando l’ossigeno viene utilizzato per la produzione di energia. Il danno prodotto dai radicali liberi si verifica a diversi livelli ma soprattutto sulla membrana cellulare.  A livello macroscopico l’attività dei radicali liberi si concretizza nell’invecchiamento delle cellule e nell’insorgenza di patologie degenerative come il cancro e le malattie cardiovascolari. Oltre alle normali reazioni biochimiche di ossidazione cellulare, contribuiscono alla formazione dei radicali liberi:

gli stati infiammatori in genere;

l’ischemia dei tessuti e conseguente riduzione dell’apporto di sangue;

l’eccessiva assunzione di calorie;

la presenza di un eccesso di ferro che, reagendo con il perossido di idrogeno,

genera il radica idrossilico, il più pericoloso tra i ROS;

l’inquinamento ambientale;

il fumo di sigaretta;

l’eccesso di alcool;

la luce solare (raggi UVA e UVB);

le radiazioni ionizzanti;

alcuni farmaci;

l’attività fisica intensa.

Alcune reazioni biochimiche che avvengono all’interno della cellula muscolare durante l’attività fisica producono ROS. Il danno alle membrane cellulari che ne deriva è una delle cause del dolore muscolare a seguito di intensa attività fisica. Processi analoghi avvengono per i globuli rossi, contribuendo a determinare o accentuare l’anemia negli atleti. L’allenamento consente di potenziare i meccanismi antiossidanti endogeni, mettendo al riparo lo sportivo dall’aumentata produzione di radicali liberi.

GLI AGENTI ANTIOSSIDANTI:

Gli agenti antiossidanti riportano l’equilibrio chimico nei radicali liberi grazie alla possibilità di fornire loro gli elettroni di cui sono privi, evitando che vengano danneggiate molecole più importanti per il funzionamento dei meccanismi vitali. La maggior parte della difesa antiossidante è svolta dall’organismo con “mezzi propri”, cioè con sostanze e sistemi enzimatici prodotti dalle stesse cellule.

A livello ematico, la difesa nei confronti dell’attacco lesivo dei radicali liberi, è garantita dalla cosiddetta “barriera antiossidante plasmatica”. Ne fanno parte sostanze sia endogene (es.proteine, bilirubina, acido urico, colesterolo, GSH, ecc.) che esogene (es. ascorbato, tocoferoli,carotenoidi, biofl avonoidi, ecc.). Ciascuna di queste sostanze possiede un proprio potere o capacità antiossidante, cioè è in grado di opporsi più o meno efficacemente in funzione del proprio potenziale di ossido-riduzione. Tale potere è legato alla proprietà dei componenti della barriera antiossidante plasmatica di cedere “equivalenti riducenti” (ossia elettroni o protoni) ai radicali liberi, evitando che queste li sottraggano a componenti biochimici essenziali e prevenendo l’innesco di pericolose reazioni a catena. Alterazioni di questa barriera possono favorire l’insorgenza delle alterazioni tipiche dello stress ossidativo. 

Superata una certa soglia è necessario un apporto di antiossidanti dall’esterno, mediante l’alimentazione oppure l’integrazione. Le principali sostanze antiossidanti presenti nella nostra dieta sono apportate dai vegetali. Alcune sono dei nutrienti (vitamine, oligoelementi), altre invece molecole prive di caratteristiche nutritive, ma tuttavia di notevole utilità.

Antiossidanti “nutrienti” sono la Vitamina C, la Vitamina E, il Beta-carotene (provitamina A) e il Selenio. Altri Antiossidanti, sono i Carotenoidi, il Coenzima Q10,  la Carnosina,  l’Acetilcisteina, l’Acido Alfa-Lipoico, i Polifenoli della vite rossa, il Picogenolo dal pino marittimo, il Resveratrolo, il The Verde. 

Le molecole antiossidanti possono agire da sole o collaborare tra loro, proteggendosi a vicenda quando una di esse viene ossidata. Inoltre, ogni antiossidante ha uno spettro d’azione limitato, può cioè proteggere solo da alcuni radical liberi. Pertanto è necessaria un’alimentazione ed una integrazione che fornisca molte tipologie di sostanze antiossidanti affinchè la protezione dai radicali liberi sia completa.

Carnosina: Anti-ossidante, protegge la membrana cellulare dall’attacco dei radicali liberi , riduce la produzione dell'acido lattico

Coenzima Q10 :Produzione di energia nei mitocondri, anti-age, Anti-ossidante,

Acido Alfa Lipoico, N-Acetilcisteina: Stimolazione della formazione del Glutatione,  anti-ossidante, prevenzione neuropatia diabetica,

Resveratrolo: Anti-ossidante, ,  prevenzione tumori (soprattutto colon e pelle), , riduzione dell’ipertensione e delle complicanze cardiovascolari, riduzione del peso, azione anti-infiammatoria, inibizione replicazione virus Influenzali .

Vitis Vinifera ( uva rossa semi ): Inibizione dell’ossidazione delle LDL, stimolazione circolazione periferica, Anti-ossidante.

Picogenolo da pino marittimo: Antirughe, stimolante la formazione di collagene, prevenzione macchie scure sulla pelle, anti-infiammatorio, anti-allergico, anti-coagulante, anti-trombotico, vaso protettivo. 

 

Bibliografia:

1. Arcangeli, P. Pycnogenol in chronic venous insuffi ciency. Fitoterapia 2000; 71 (3): 236-44.

2. Cho, K. J et al. Inhibition mechanisms of biofl avonoids extracted from the bark of Pinus maritima on the expression of

proinfl ammatory cytokines. Ann N Y Acad Sci. 2001; 928: 141-56.

3. Feng, W. et al. Effect of Pycnogenol on the toxicity of heart, bone marrow and immune organs as induced by antitumor

drugs. Phytomedicine 2002; 9 (5): 414-18.

4. Saliou, C. et al. Solar ultraviolet-induced erythema in human skin and nuclear factor-kappa-B-dependent gene expression

in keratinocytes are modulated by a French maritime pine bark extract. Free Radic Biol Med 2002; 30 (2): 154-60.

5. Stefanescu, M. et al. Pycnogenol effi cacy in the treatment of systemic lupus erythematosus patients. Phytother Res.

2002; 15 (8): 698-704.

6. Packer, L et al. Antioxidant activity and biologic properties of a procyanidin-rich extract from pine (Pinus maritima)

bark, pycnogenol. Free Radic Biol Med 1999; 27: 704-24.

7. Franceschi S, Bidoli E. et al. Tomatoes and risk of digestive-tract cancers. Int J Cancer 1994; 59: 181-4.

8. La Vecchia C. Mediterranean epidemiological evidence on tomatoes and the prevention of digestive tract cancers. Proc Soc

Exp Bio Med 1997; 218: 125-8.

9. Hall TJ, Schaeublin M et al. The role of oxygen intermediates in osteoclastic bone resorption. Biochem Biophys Res

Commun 1995; 207: 280-7.

10. Kotake-Nara E, Kushiro M, et al. Carotenoids affect proliferation of human prostate cancer cells. J Nutr 2001; 131: 3303-6.

11. Kim L, Rao AV, Rao LG. Effect of lycopene on Prostate LNCaP cancer cells in culture. J Med Food 2002; 5: 181-7.

12. Forssberg A, Lingen C, Ernster L, Lindengerg O. Modifi cation of X irradiation syndrome by lycopene. Exp Cell Res

1959; 16: 7-14.

13. Lingen C, Ernster L, Lindenberg O. The promoting effects of lycopene on the non-specifi c resistance of animals.

Exp Cell Res 1959; 16: 384-93.

14. Guttenplan N, Lee C, FrishmanWH. Inhibition of myocardial apoptosis as a therapeutic target in cardiovascular disease

prevention: focus on caspase inhibition. Heart Disease 2001; 3: 313-8.

15. Rao AV. Lycopene and human health: summary and future directions. In: Rao AV, editor, Tomatoes, lycopene and human

health. Scotland: Caledonian Science Press; 2006; p. 223-8.

16. Rao AV. Lycopene, tomatoes and health: new perspectives. In: Rao AV, Heber DH, editors. Lycopene and the prevention

of chronic diseases: major fi ndings from fi ve international conferences. Scotland: Caledonian Science Press; 2002.

17. Kucuk O, Wood Jr DP. Response of hormone rerfractory prostate cancer to lycopene. J Urol 2002; 167: 651.

18. Bowen P, Chen L, et al. Tomato sauce supplementation and prostate cancer: Lycopene accumulation and modulation

of biomarkers of carcinogenesis. Exp Biol Med 2002; 227: 886-93.