COLESTEROLO CONSIGLI DIETETICI

COLESTEROLO

Oltre 12 milioni di italiani hanno malattie cardiache che sono tra le cause di mortalità più diffusa.

Per ridurre questo rischio è bene mantenere la pressione sanguigna regolare e un livello di colesterolo basso.

Il colesterolo proviene da due fonti: dal cibo che si ingerisce e dal nostro stesso metabolismo. Le persone che ne ingeriscono troppo o ne producono in eccesso, hanno livelli di colesterolo elevato (ipercolesterolemia). E’ così che il colesterolo si deposita nelle arterie causandone il restringimento o l’indurimento (arteriosclerosi) senza alcuna sintomatologia anche per un lungo periodo. In questo stato, con l’ostruzione delle arterie, si riduce il flusso di sangue al cuore e di conseguenza anche l’ossigenazione provocando angina o attacchi cardiaci .

Consideriamo che l'assunzione dei farmaci per abbassare il colesterolo ( le statine ) possono consumare un enzima del nostro metabolismo energetico, il coenzima Q10 . E' per questo motivo che consigliamo sempre una compressa di coenzima Q10 per ridare l'energia necessaria a ricaricarci . 

A questo punto è imperativo seguire una precisa dieta, mantenere il peso prossimo a quello ideale, fare un appropriato esercizio fisico e rivolgersi al medico per una terapia farmacologica .

Cibi permessi:

Brodi vegetali o passati di verdura; pasta di piccolo formato, riso, semolino, tapioca.

Pane abbrustolito, grissini, fette biscottate, pane integrale.Carni bianche, pesci magri e freschi, lessati o ai ferri.Pomodoro fresco e maturo. Formaggi freschi e latticini magri (quartirolo).

Verdure fresche e cotte, condite con olio extra vergine d’oliva, patate, rape, carciofi, carote, barbabietole. Frutta ben matura ma solo lontano dai pasti.

Cibi non permessi:

Grassi di origine animale, carni e parti grasse, selvaggina, salumi, maiale, carni conservate, pesci grassi e salati, come i crostacei e molluschi frutti di mare. Cibi fritti, oli cucinati, margarina, panna, salse piccanti .Peperoni, funghi, tartufi, pomodori acidi, crauti, cetrioli.

Frutta acerba, secca oleosa, meloni, cocomeri. Pasticceria, cacao, gelati.

Alcolici, bevande ghiacciate o gassate. Si consiglia inoltre di evitare caffè, sigarette, ansia, stress.

La natura può aiutarci con i suoi frutti:

Monascus purpurea clicca qui per dettagli  (riso rosso fermentato) con policosanoli, vitis vinifera, biancospino e coenzima Q10 (esistono anche estratti concentrati in compresse economici ed efficaci ) e olio di pesce da associare in caso di LDL(“ colesterolo cattivo”) alto.

RACCOMANDIAMO DI BERE ACQUA ALCALINA IONIZZATA ( clicca qui per dettagli )

Per verificare i benefici della vostra dieta, provate in farmacia l’AUTOTEST  del valore del vostro colesterolo totale e HDL e quello della glicemia. Consigliamo inoltre di controllare l’OMEOCISTEINA del sangue che ci indica la nostra predisposizione alle malattie cardiovascolari : valori ideali sotto i 7 ( in caso di valori superiori molti studi indicano che è molto utile l’uso di vitamine del complesso B in forma spray sublinguale)

 

Quando il colesterolo raggiunge valori elevati, consultare il medico.

COLESTEROLO TOTALE  (oltre 20 anni)

Valore desiderabile

< 5,18 mmol/L

< 200 mg/dl

Valore limite

5,18-6,19 mmol/L

200-239 mg/dl

Valore di rischi elevato

> 6,20 mmol/L

>240 mg/dl

COLESTEROLO TOTALE (sotto i 20 anni)

Valore desiderabile

< 4,80 mmol/L

< 185 mg/dl

COLESTEROLO LDL

Valore desiderabile

< 3,37 mmol/L

< 130 mg/dl

 

 

 

Valore limite

3,37-4,12 mmol/L

130-159 mg/dl

 

 

 

Valore di rischi elevato

> 4,13 mmol/L

>160 mg/dl

 

 

 

COLESTEROLO HDL

Valore non inferiore a

> 0,90 mmol/L

> 35 mg/dl

TRIGLICERIDI

Valore non inferiore a

< 2,82 mmol/L

< 250 mg/dl

 

 

ALIMENTAZIONE

Con il raggiungimento del benessere e della tranquillità economica, il comportamento alimentare è andato modificandosi.

E’ importante capire che sovrappeso, obesità, cellulite, malattie cardiovascolari e colesterolo sono legati da un modo errato di alimentarsi; errori quantitativi e qualitativi portano ad un accrescimento del lavoro metabolico del fegato e del pancreas e ad un accumulo di tossine.

Ecco qui di seguito alcuni consigli per una sana alimentazione:

Iniziare il pasto con verdure crude (che hanno un effetto digestivo, lassativo e neutralizzano gli eventuali cibi tossici che si mangiano).

Frutta lontano dai pasti o in pasti di sola frutta: mai a fine pasto perché’ provoca fermentazione gastrica e intestinale e rallentamento della digestione.

Fare un prima colazione abbondante con cereali, frutta fresca di stagione (evitare la classica brioche con il cappuccino )miele ,marmellata.

Pranzo con frutta, verdura e carboidrati tipo riso ,pasta(meglio biologica tipo kamut o farro)

Importante dopo le ore 15 non usare più carboidrati ma solo proteine e verdure.

La cena dovrebbe essere il pasto più leggero in ogni caso solo verdure (eccetto patate e carote perchè sono ricche di carboidrati) con proteine a rotazione:carni bianche , rosse ,pesce,uova,legumi e formaggi (massimo una,due volte la settimana in quanto molto grassi e difficili da digerire)quindi niente pane , pasta,riso,dolci ,frutta ecc..

Usare solo olio d’oliva extra vergine di prima spremitura.Consigliamo una integrazione di omega 3 in capsule o in olio nel caso ci fosse un valore di colesterolo LDL "colesterolo cattivo"

Evitare il più possibile fritti, salumi e insaccati, gelati, pasticceria, burro, e margarina

Evitare i dolci industriali di ogni tipo compreso lo zucchero bianco (sostituirlo con miele o con xilitolo ) perché fortemente squilibranti per l’organismo (bruciano il calcio e creano disbiosi intestinale)

Limitate: tè, caffè, cacao, cioccolato, fumo, bevande gassate e colorate, cibi conservati, aceto (usare aceto di mele), vino adulterato (se il vino è genuino è accettato un bicchiere a pasto).

Usare sale himalaiano al posto del sale raffinato (il sale raffinato sbilancia gli equilibri minerali nel sangue e provoca varie carenze e disfunzioni e predispone alle malattie cardiovascolari).il sale himalaiano invece contiene tutti i 92 minerali presenti nella terra .  

Masticare a lungo e con calma, bere poca acqua durante il pasto (perché ciò toglie energia agli organi digestivi) e molto lontano dai pasti.

Separare nei pasti le combinazioni di proteine (carne, pesce, uova, formaggi) dai carboidrati (pasta, pane, riso, polenta, orzo.)  mangiando possibilmente  proteine a cena  e carboidrati a pranzo.

Se soffrite di gonfiore e difficoltà digestive potete utilizzare delle pastiglio digestive a base di enzimi naturali ricavati dall’amido di riso fermentato

Se soffrite di stitichezza bevete una tisana a base di frangula, rabarbaro, liquirizia, malva, cascara, senna etc. o altrimenti chiedete le compresse di uguale formulazione e assumete il VITAOIL al posto dell’olio.

Se soffrite di soprappeso potete fare la BIA-ACC, per i dettagli clicca qui, oppure i  test sulle intolleranze alimentari che permette di stabilire la dieta più utile per dimagrire, avere più energia e regolare il proprio metabolismo.

Se soffrite di ipertensione, potete visionare la scheda ipertensione cliccando qui.

Se soffrite di altri disturbi chiedete al vostro farmacista informazioni:

Trovate tutti i nostri servizi nella sezione dedicata cliccando qui 

IN FARMACIA UNA RISPOSTA E UN CONSIGLIO NON COSTANO NULLA .

Consultare sempre il medico quando si verifichino particolari condizioni di malessere e per qualsiasi patologia